FAI QUI LE TUE DOMANDE

FAI QUI LE TUE DOMANDE

 

Se hai delle domande su come curare una pianta, come intervenire o semplicemente esprimere una tua opinione, clicca sul pulsante “SCRIVI UN NUOVO MESSAGGIO” ed esponi il tuo quesito nella relativa casella dei messaggi che comparirà sotto di seguito. Abbi cura di compilare i campi obbligatori relativi ai tuoi dati prima di cliccare sul pulsante “INVIA, questo servirà ad aiutarti in seguito a trovare la tua risposta, insieme al tuo nome e alla data di invio della richiesta.

I dati personali immessi saranno trattati in conformità alle vigenti norme sulla privacy. (leggi informativa sulla privacy).

Una volta approvato il tuo messaggio apparirà in ordine di tempo nelle caselle sottostanti.

Troverai di seguito la risposta al tuo quesito su questo diario. ↓

Se inoltre ti verrà consigliato di usare un dato prodotto, un attrezzo o una pianta potrai trovare tutto quello che ti occorre nella pagina che elenca i materiali di giardinaggio che si possono acquistare su Amazon , cliccando sulla tipologia di prodotto si verrà collegati direttamente alla pagina dedicata agli acquisti.




PER CHIEDERE QUALCOSA A MICHELE IL GIARDINIERE CLICCA SUL PULSANTE [Scrivi un nuovo messaggio] CHE TROVI QUI SOTTO

sarà nostra premura risponderti il prima possibile.

SCRIVI QUI LA TUA DOMANDA

 
 
 
 
 
 
 
I campi contrassegnati con * sono obbligatori.
Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato (leggi informativa sulla privacy selezionando la pagina apposita)
Per ragioni di sicurezza salveremo il tuo indirizzo IP 3.237.66.86.
Il tuo messaggio potrebbe essere visibile sul diario degli ospiti di questa pagina solo dopo che l'avremo controllato.
Ci riserviamo il diritto di modificare, eliminare o non pubblicare messaggi.
N.B. Selezionando la casella "accept privacy policy" si accettettano i termini previsti per legge al trattamento dei dati immessi.
51 messaggi.
Persona Persona da Napoli pubblicato il 8 Giugno 2020 alle 20:54:
Questo settimana ho preso una piantina di cicas da una già grande ma mentre la prendevo sie rotto un po cosa devo fare?
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Salve!
Se si riferisce a polloni basali che di solito si possono asportare dalla pianta madre, facendo forza con le mani o utilizzando un coltello affilato, se non si riesce con le mani, tenga conto che una volta rimossi li si può tenere in un luogo luminoso e fresco per un po , in modo che le scalfiture abbiano la possibilità di asciugare e cicatrizzare.
Dopodichè può cospargere della polvere con ormoni radicanti sulla parte basale che va nel terreno e si possono riporre in dei vasi larghi circa un paio di centimetri i più rispetto al diametro dei polloni stessi, riempiti con sabbia e torba in parti uguali, e aspettare che abbia luogo l'attecchimento con lo sviluppo delle radici.

Se non sa dove trovare l'ormone che stimola la radicazione può cliccare sul link o nominativo indicato qui di seguito:

CIFO RIGENAL P RADICANTE IN POLVERE PER QUALSIASI TIPO DI TALEA conf. da 100 grammi

Ringraziandola per averci contattato cogliamo l'occasione per porgerle cordiali saluti!
Maria Carmela Maria Carmela da Locri pubblicato il 3 Giugno 2020 alle 17:41:
E il giglio di mare dove posso comprarlo? Grazie
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Grazie a lei maria per averci contattato!
Oltre che sulle spiagge calabresi o sulla costa ionica del salento, può acquistare i bulbi cliccando su uno dei link indicati qui sotto:

giglio di mare vegherb 5 Semi - Sea Daffodil Seed, Sabbia Lily, Nord Marsh Orchid -Pancratium maritimum, fragrante

Giglio di mare 5 Semi - Sea Daffodil Seed, Sabbia Lily, Nord Marsh Orchid -Pancratium maritimum, fragranti

I bulbi vanno piantati in terra piena a una profondità di 15-30 cm, in zone prossime al mare. In zone con climi più freddi potranno essere coltivati in vasi ampi e profondi. I vasi vanno protetti in inverno se le temperature scendono al di sotto di 0°C. e vanno posizionati in pieno sole. Solo durante la fioritura può essere conveniente spostarli in una posizione ombreggiata durante le ore più calde del giorno. In questa maniera potrà essere prolungata la vita dei fiori.
Maria Carmela Maria Carmela da Locri pubblicato il 3 Giugno 2020 alle 17:39:
Volevo sapere dove posso trovare una piantina di sambuco, grazie.
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Salve signora Maria!

Le indichiamo un link qui di seguito dove potrà acquistare la sua piantina di sambuco, cliccando o pigiando sulla dicitura qui sotto si colleherà direttamente alla pagina di affiliazione Amazon:

Pianta di Sambuco (varietà HASCHBERG) - Sambucus Nigra

Ringraziandola per la fiducia accordataci cogliamo l'occasione per porgerle distinti saluti.
Maria Maria da Catania pubblicato il 29 Maggio 2020 alle 8:11:
Salve.
Ho un'orchidea da circa 3 mesi.
I fiori stanno cadendo e le prime due foglie attaccate allo stelo principale stanno ingiallendo.
Do l'acqua una volta a settimana circa lasciando il vaso in immersione e poi lascio drenare.
Ho tagliato un paio di radici esterne perché secche.
Non voglio che muoia.
Cerco consigli e guida.
Grazie.
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Salve Maria!
Grazie per averci contattato.
Osservate bene la pianta per capire cosa non funziona.
in molti casi il problema è un eccesso di annaffiatura, che porta alla perdita delle foglie e al marciume delle radici. In altri casi, invece, la perdita delle foglie è dovuta a un eccesso delle vaporizzazioni fogliari.
A volte basta anche un po’ di ristagno d’acqua tra le foglie per provocarne la caduta (questo in genere si verifica nei periodi in cui le temperature sono molto alte).
Togliete la pianta dal vaso se avete notato la presenza di qualche radice marcia ed eliminate quelle marce o le foglie malate. Cercate di compiere tutte queste operazioni con calma e precisione e, se usate le cesoie per rimuovere porzioni di pianta, assicuratevi che queste siano sempre ben pulite e sterilizzate, altrimenti il rischio è quello di infettare ulteriormente la pianta.
Dopodichè rinvasate la pianta e smettete di annaffiare, limitandovi solo a qualche vaporizzazione in corrispondenza delle radici. In questa fase il fabbisogno dell’acqua è minimo e qualsiasi eccesso può portare al collasso definitivo della pianta.

Un’importante raccomandazione è quella di non utilizzare l’acqua del rubinetto per l’irrigazione, perché questo può portare alla saturazione del suolo con il cloro, impedendo l’assorbimento delle sostanze nutritive, sarebbe invece opportuno utilizzare dell’acqua filtrata.

Comunque se le foglie diventano gialle, non è detto che la colpa debba essere per forza essere vostra, dell’annaffiamento o dell’esposizione. Potrebbe anche trattarsi di un infezione da parte di funghi patogeni come quelli dell’oidio o dell’antracnosi, che possono debilitare la pianta provocando macchie di colore scuro sulle foglie o sui gambi. In questi casi è necessario potare la zona malata o l’intera foglia interessata e spruzzare sull’intera pianta un buon prodotto fungicida come quello indicato qui di seguito.

Potete acquistarlo cliccando direttamente sul link indicato qui sotto:

Compo Duaxo, Fungicida sistemico pronto all'uso per la Protezione delle Piante Ornamentali da casa e Giardino, 750 Ml,

Detto questo non resta che augurarvi di rivedere presto la vostra orchidea riprendersi e tornare al suo splendore originale.
Mara Mara da Bitritto - Bari pubblicato il 21 Maggio 2020 alle 14:42:
Buongiorno.
Ho una domanda sulla pianta di oleandro che è in una fioriera sul mio balcone. Di solito perde le foglie in questo periodo ma ora ho notato che ce ne sono troppe ingiallite e macchiate. Mi devo preoccupare? Rispetto al solito ci sono anche pochi boccioli. Devo ammettere che non le do molta attenzione, al massimo l'innaffio. Grazie.
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Buon giorno a lei Mara!
Da come lo descrive sembra essere un semplice problema di carenza di elementi nutritivi. Occorre dire che per ovvi motivi le radici delle piante in vaso hanno poca nuova terra da esplorare in cui trovare sostanze nutritive che necessitano al suo sviluppo, e che quel poco terreno di cui dispongono diventa prima o poi esausto. Per questo dovrebbe magari concimare regolarmente con un buon fertilizzante specifico per oleandri che trova cliccando sul link indicato qui di seguito:

FERTILIZZANTE LIQUIDO PER OLEANDRI - GREEN 24 (Amazon.it Associates)

Ringraziandola per averci contattato le auguriamo buon proseguimento di giornata!
Giuseppe Giuseppe da Milano pubblicato il 18 Maggio 2020 alle 8:37:
Buongiorno
Ho rinvasato un olendro di cospique dimensioni, tagliato diverse radici per rinvasarlo con terra nuova, ho eseguito questa operazione in inverno.
La pianta sembra ibernata ed è praticamente immobile, non si è creata nessuna gemma nuova, anche se rimane comunque verde.
Cosa potrebbe aver causato questo problema?
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Buon giorno a lei Giuseppe!

La ringraziamo per averci contattato.
Come dimostra la sua esperienza, una potatura molto severa determina un arresto vegetativo delle pianta, specie se ha tolto gran parte delle foglie che sono organo di fotosintesi e trasformazione delle sostanze minerali in sostanze necessarie alla vita stessa della pianta. Dato che queste ultime poi traslocano le sostanze nutritive verso organi di riserva come le radici, si può facilmente dedurre che se ha potato anche queste, ha ovviamente tolto la possibilità alla pianta di fare appello alle sostanze nutritive che ha messo da parte nel corso di anni, per potersi riprendere.
Continui ad innaffiarla con regolarità ma soprattutto le conviene spruzzare sulle foglie rimaste e sul tronco un particolare ormone (denominato acido giberellico) per stimolare la crescita e la ripresa vegetativa, specialmente per forzare le gemme dormienti presenti sul tronco.
Può acquistarlo direttamente da Amazon cliccando sul link o sulla voce che le indichiamo qui di seguito:

SOLUZIONE ACIDO GIBERELLICO 20ml - Charles 920 (Amazon.it Associates)

Può diluire questo prodotto direttamente in 20 - 30 litri di acqua che può quindi spruzzare uniformemente alle colture.

Le auguriamo di avere successo nella coltivazione del suo oleandro!
Vladimiro Vladimiro da Francavilla fontana (BR) pubblicato il 17 Maggio 2020 alle 7:53:
I fondi di caffè si possono utilizzare anche su piante da frutto (limone, melograno, melo, pero) in vaso?
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Salve signor Vladimiro!
È vero che piante acidofile come ortensie, rododendri e azalee li apprezzano maggiormente, ma anche ortaggi ed alberi da frutto traggono beneficio dalle proprietà nutrienti contenute nei fondi di caffè favorendone la germinazione, hanno infatti un contenuto di azoto molto alto e una buona concentrazione di fosforo e potassio; ovviamente come per tutti i concimi non si dovrebbe abusare o esagerare nell'usarli e sarebbe bene dargli il tempo di maturare in una compostiera mischiando insieme del terriccio.

contenitore fondi di caffè

Ringraziandola per averci contattato cogliamo l'occasione per inviarle distinti saluti.
Gabriella Gabriella da Monza pubblicato il 12 Maggio 2020 alle 14:24:
Salve, avrei bisogno di una pianta rampicante per coprire un muro confinante, molto brutto, che pianta mi consiglia?
Desidero una pianta che resista al freddo e che possibilmente mantenga le foglie, tenga conto che abito a Monza.
Grazie dell'attenzione e cordiali saluti,
Gabriella.
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Salve Gabriella!
Grazie per averci contattato.
La pianta rampicante che sopporta più di tutte il freddo e le intemperie è l'edera, specialmente nella varietà denominata Hedera Hibernica, è una pianta rampicante sempreverde, che ha uno sviluppo rapido, rigoglioso e non necessita di manutenzioni particolari durante la crescita
Se ama i fiori può optare per il caprifoglio o Lonicera enryi dalle curiose foglie tondeggianti e fiori color rosa arancione ,
Meno conosciuta ma altrettanto interessante è la Clematide alpina che non teme ne freddo ne gelo. A rendere spettacolare questa pianta sono soprattutto le sue fioriture, infatti, la Clematide produce fiori di grandi dimensioni con colorazioni che variano dal rosa al viola o al blu.

Se desidera acquistarla o semplicemente visionarla per verificarne le caratteristiche può cliccare su uno dei link o nominativi indicati qui di seguito:

CAPRIFOGLIO - LONICERA ENRYI (Amazon.it Associates)

HEDERA HIBERNICA RAMPICANTE (Amazon.it Associates) .

EDERA COMUNE RAMPICANTE (Amazon.it Associates)

CLEMATIDE ALPINA (Amazon.it Associates)

Sperando di aver soddisfatto le sue aspettative cogliamo l'occasione per augurarle buon lavoro nel suo giardino!
Rebecca Rebecca da Padova pubblicato il 8 Maggio 2020 alle 19:01:
Salve vorrei un consiglio su come comporre un aiuola che si trova vicino ad un ulivo .. c’è sole tt il mattino fino al primo pomeriggio.. io pensavo a qualcosa di fiorito e magari adornarlo con dei sassetti.
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Salve Rebecca!
grazie per averci contattato
Troverà molte idee utili per un aiuola fai da te nell'articolo intitolato "IDEE PER IL GIARDINO" che trova in prima pagina nella sezione "articoli" cliccando sulla barra del menù in alto in questo sito, oppure lo può trovare inserendo il titolo sopracitato nel motore di ricerca interno di questo sito lì dove dice "ricerca un articolo inserendo una parola chiave".

Le auguriamo buona lettura e buon lavoro nel suo giardino.
Rossella Rossella da Marano di napoli pubblicato il 30 Aprile 2020 alle 18:48:
Salve, nel trapiantare una cycas si è rotto il tronco. Come si può rimediare?
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Buona sera Rossella
Difficilmente il tronco rotto delle cicas riesce a riprendersi da un brusco colpo come una rottura totale, ne la parte rotta può radicare se riposta nel terreno.
Piuttosto invece dopo un lasso di tempo, dal tronco principale, anche se rotto, si possono formare dei germogli basali, chiamati polloni radicali, che, una volta staccati, possono produrre il loro apparato radicale e svilupparsi come piccoli esemplari singoli.
I polloni basali si possono asportare dalla pianta madre, facendo forza con le mani o utilizzando un coltello affilato, (se non si riesce con le mani) in modo da non schiacciare eccessivamente i polloni stessi; una volta rimossi li si tiene in luogo luminoso e fresco per 4-5 giorni, in modo che il taglio praticato abbia la possibilità di asciugare e cicatrizzare.
Dopodichè si possono riporre in dei vasi larghi circa un paio di centimetri i più rispetto al diametro dei polloni stessi, riempiti con sabbia e torba in parti uguali, e aspettare che abbia luogo l'attecchimento con lo sviluppo delle radici.

Se invece le foglie non sono compromesse e si tratta di una semplice scalfitura, basterà spalmarci sopra del verderame o poltiglia bordolese con del mastice cicatrizzante, e aspettare che la pianta si riprenda.
Può trovare questi prodotti cliccando su uno dei link o nominativi indicati qui di seguito:

POLTIGLIA BORDOLESE 500 GR (Amazon.it Associates)

FITO-MASTICE CICATRIZZANTE CON RAME (Amazon.it Associates)

Ringraziandola per averci contattato cogliamo l'occasione per porgerle cordiali saluti!
Massimo Massimo da Cagliari pubblicato il 28 Aprile 2020 alle 12:40:
Salve.
Continuo a trovare grosse buche profonde ( gallerie ) sotto la pianta della strelitzia. Si tratta di topi ?
Continuo a chiuderle ma si ripresentano. Fra l'altro parte della pianta incomincia ad inclinarsi e alcune foglie toccano terra.
Grazie per l'eventuale aiuto.
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Buona sera signor Massimo
Potrebbero essere Topi oppure talpe, per capirlo deve osservare i buchi e i cunicoli scavati. I buchi nel giardino scavati dalle talpe evidenziano dei monticelli di terra più grandi e alti rispetto a quelli delle buche scavate dai topi. Inoltre, le gallerie realizzate dai topi sono in rettilineo, sono lunghe solo pochi metri, non sono molto profonde e le aperture dei buchi sono sempre coperte; invece, le gallerie scavate dalle talpe sono in obliquo e possono essere lunghe fino a 50 metri e le buche di uscita al termine del tunnel sono in questo caso aperte.
I topi rispetto alle talpe sono onnivori e si nutrono di tutto, radici comprese ma dato che lei dice che le buche le copre indicando che si presentano quindi aperte, potrebbe trattarsi di talpe che scavando sotto la strelitzia ne rovinino le radici causando l’inclinazione della pianta e la caduta delle foglie.

Se le cose stanno così potrebbe rimediare con delle trappole per talpe, scacciatalpe, spaventatalpe, repellenti o antitalpe in granuli che può trovare cliccando sulla voce “TRAPPOLE” nella pagina del menù dedicata agli “acquisti di materiali da giardinaggio” presente sulla barra del menù che è situata in alto su questo sito.

Ringraziandola per averci contattato cogliamo l’occasione di inviarle cordiali saluti!
Anna B. Anna B. da Napoli pubblicato il 27 Aprile 2020 alle 7:34:
Buon giorno!
Come posso eliminare i pidocchi dalla pianta di rose?
Grazie! 🤔
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Buon giorno a lei Anna! 😃

Per combattere gli afidi a monte limitandone la proliferazione occorre innanzitutto fare attenzione ai concimi che si usa, se infatti in questi c’è troppo azoto si rischia di nutrire i pidocchi delle rose e farli proliferare; consulti la nostra pagina dedicata agli acquisti di materiali per il giardinaggio che si trova cliccando sulla voce omonima nella barra del menu in alto in questo sito, alla voce “Fertilizzanti e concimi” per cercare e acquistare un concime per piante fiorite che è molto più bilanciato rispetto ad altri.

Inoltre se gli afidi hanno ormai colonizzato l’intera pianta e risulta impossibile toglierli manualmente con un batuffolo di cotone, dovrebbe ricorrere ad un metodo semplice ed efficace come quello di spruzzare o irrorare la pianta con un insetticida aficida come [ZAPI INSETTICIDA AFICIDA AD AMPIO SPETTRO – demetrina flow] oppure [BAYER INSETTICIDA DECIS PROTECT PRONTO AL USO] che è già venduto in un comodo spruzzino , che trova sempre nella pagina dedicata agli acquisti di materiali di giardinaggio in questo blog alla voce “insetticidi”

Grazie per averci consultato, le auguriamo buona giornata! 👍
Tommaso Tommaso da Torre Annunziata pubblicato il 25 Aprile 2020 alle 12:43:
Buongiorno sign. Michele
La mia domanda è se si può dare del verderame alla cycas e quale dovrebbe essere Il quantitativo.
Grazie!
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Buon giorno a lei Tommaso!
La ringraziamo per averci contattato.

Tutto dipende dall’uso che ne deve fare!
Se c’è un focolaio di malattie fungine attivo oppure se vuole metterlo solo come prevenzione.
Tenga conto che il verderame è un sale di rame che si utilizza come fungicida, contro la gran parte delle affezioni fungine che attaccano le piante.
Tipicamente si utilizza nel periodo di inizio primavera o in autunno, spruzzandolo sulle foglie delle piante da proteggere; Potrebbe avere azione preventiva nel senso che lo si può utilizzare quando sulle piante non ci sono patologie. La sua azione a volte si esplica nei confronti di alcuni comuni insetti, perché vengono semplicemente disturbati dal prodotto ma non sterminati.
Si può utilizzare anche il solfato di rame, che oltre al rame contiene anche zolfo, che è un altro ottimo fungicida; esistono anche prodotti utilizzabili in agricoltura biologica a base di solfato di rame.
Se da un’occhiata nella pagina dedicata agli acquisti che trova nella barra del menù in alto in questo sito, cliccando alla voce fungicidi, ne può trovare di vari tipi.

L’applicazione fogliare del solfato di rame si utilizza anche in caso di terreni particolarmente poveri in rame e piante che invece ne necessitano, e quindi la vaporizzazione delle piante con solfato di rame sciolto in acqua, oltre che come prevenzione contro i funghi, è utile anche come fertilizzante.
Esistono prodotti a base di solfato di rame da utilizzare come fertilizzanti, ovvero da miscelare nell’acqua delle annaffiature, ma questa operazione si effettua di solito sulle piante acidofile, che non riescono ad utilizzare alcuni elementi contenuti nel terreno, prevalentemente ferro e rame; consideri però che in questi particolari fertilizzanti comunque il rame è contenuto in quantità veramente minime, praticamente in tracce.

Ovviamente quanto detto sopra non significa che si possa utilizzare a piacimento, senza badare al tempo, al clima e alle dosi.
Intendiamo dire che il verderame è un prodotto che si utilizza prevalentemente in autunno ed in inverno, quando le piante sono in riposo vegetativo, proprio perché il caldo ed il sole possono far si che il prodotto risulti essere caustico e provocare bruciature

Per quanto riguarda il quantitativo, come chiedeva, dovrebbe porre particolare attenzione alla diluizione; quando si acquista un prodotto, sarebbe bene controllare sempre i dosaggi che vengono riportati sulla confezione; e se sulla confezione ci sono dosaggi diversi a seconda della pianta su cui si utilizza il prodotto, e in giardino ci sono piante che necessiterebbero di diluizioni differenti, è buona norma scegliere sempre la minore quantità possibile di prodotto da sciogliere in acqua.
Durante la preparazione, inoltre pesi bene la quantità di prodotto, cominciando a miscelarla con circa 100 ml di acqua; quando il prodotto è ben sciolto, allunghi il fluido ottenuto fino ad arrivare alla corretta quantità di acqua.
Se pesare il composto sembra un lavoro eccessivo, può trovare sempre nella "pagina acquisti"di questo sito, dei comodi misurini che misurano circa 5 g, 25 g, 125 g, 250g, ovvero un cucchiaino da te, un cucchiaio, mezza tazza e una tazza; potrà tenerne un set tra gli attrezzi da giardino, che le torneranno utili per i dosaggi di prodotti da utilizzare in giardino.


Cordiali Saluti e buon lavoro con le sue piante!
Michele Michele da Guglionesi pubblicato il 16 Aprile 2020 alle 17:08:
Ciao!
ho diversi alberi di grandezza media ( 4-5m) di CIPRESSO di Lawson, ne ho diversi in fila, quindi diciamo vicini l'uno con l'altro, oggi ho notato che uno di loro si è quasi completamente seccato, ma soltanto uno.
Ora vorrei sapere se è possibile curarlo in qualche modo o lo devo tagliare direttamente per evitare che se è ammalato, mischi anche quelli vicini, e ne pianterò sicuramente un altro.
Grazie mille
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Ciao Michele
grazie per averci contattato!

Se il suo cipresso prima di seccarsi si è decolorato e poi appassito, se ha notato il disfacimento dei tessuti del colletto e se vede le radici superficiali arrossate, molto probabilmente è stato colpito da una malattia fungina chiamata fitoftora.

Le piante colpite dai funghi appartenenti al genere Phytophthora (fitoftora) sono soprattutto quelle della famiglia delle Cupressaceae fra cui la lawsoniana.

Occorre sapere che la malattia si propaga facilmente nel terreno tramite le acque della pioggia o di irrigazione e che il fungo della Phytophthora può sopravvivere per numerosi anni nel terreno, sotto forma di spore, sui residui radicali di piante morte. Perciò può anche attaccare nuove piante sensibili messe a dimora nei pressi del focolaio precedente, penetrando attraverso lesioni o ferite su radici o colletto. Lo sviluppo delle infezioni è favorito da temperature ottimali attorno ai 18°-20°C e da una umidità elevata attorno al colletto.
Nel caso dei cipressi, piante ben resistenti a una moderata siccità, le infezioni si possono manifestare a seguito di eccessiva irrigazione o di piogge continue, senza rapida percolazione in profondità dell’acqua.
Tuttavia la contaminazione è più facile e rapida in autunno nel caso di piante in siepe, molto ravvicinate tra loro.

Eventuali distribuzioni di prodotti a base di rame sulle chiome saranno inutili, occorrerà invece effettuare trattamenti curativi su tutto il terreno e attorno alla base della pianta, con il “fosetil di alluminio”, principio attivo indicato contro tale patogeno.
Questa sostanza va sciolta in acqua e distribuita al terreno al fine di favorire la percolazione verso le radici.

Se vuole acquistare “Fosetil alluminio” lo può trovare e ordinare cliccando sulla voce “ACQUISTO MATERIALI DI GIARDINAGGIO” nella barra del menù in alto su questo sito, cliccando poi successivamente sulla voce “FUNGICIDI” dell’indice analitico che compare sulla pagina degli acquisti. Lì potrà trovare il prodotto che corrisponde al nome commerciale di “ALIETTE CONTENDER WG” che contiene 80 grammi di principio attivo fosetil alluminio, oppure se vuole spendere meno può optare per l’acquisto di “FUNGICIDA PREVICUR ENERGY ML 50 FOSETIL ALLUMINIO PROPAMOCARB” della Bayer

La pianta e il terreno circostante avrebbero dovuto essere trattati al primo apparire dei sintomi sulla chioma (che generalmente iniziano a manifestarsi verso metà primavera) e poi per almeno 2-3 volte nell’arco di un paio di mesi.
È indispensabile inoltre controllare attentamente l’irrigazione: il cipresso è pianta che tollera una moderata carenza idrica, perlomeno in fase adulta, e pertanto è indispensabile non eccedere con i quantitativi di acqua.

Se inoltre il suolo è stato infestato dal fungo è consigliabile valutare attentamente la posa a dimora di specie suscettibili e, in tal caso, effettuare un trattamento preventivo distribuendo il fosetil di alluminio nel terreno.

Ringraziandola per la sua cortese attenzione cogliamo l’occasione di porgerle distinti saluti
Cristian Cristian da Torino pubblicato il 16 Aprile 2020 alle 14:43:
Buongiorno,
Ho fatto nascere da un pistacchio non tostato, una pianta.
Adesso ho un piccolo alberello di circa un paio d'anni, mi piacerebbe avere qualche frutto, come posso fare?
Dal mio facendo un innesto con un'altra pianta c'è possibilità che mi faccia qualche frutto?
In attesa di un vostro gentile riscontro porgo distinti saluti.
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Buon giorno a lei Cristian!

L’innesto dovrebbe essere fatto a gemma vegetante, le conviene innestare sul portainnesto sia un maschio che una femmina per facilitare la successiva impollinazione. Questa operazione si può fare fra maggio e giugno, diversamente se intende praticare l’innesto a scudetto potrebbe anche farlo in estate fra giugno e luglio
Il tutto dovrebbe poi attecchire in circa 15 giorni e cominciare a germogliare dopo una ventina di giorni

Per gli innesti a scudetto si procede praticando un taglio a "T" sul portainnesto e inserendo uno scudetto (cioè una porzione comprendente una gemma) ricavato da un ramo di pistacchi che desidera innestare. Di norma si innesta a 10-15 cm sopra il colletto sulle giovani piante.

È importante che la gemma sia di tipo vegetante e non da fiore.
La distinzione tra gemma vegetante e da fiore è abbastanza semplice poichè la gemma vegetante è più piccola e appuntita rispetto a quella da fiore, mentre quella da fiore è bella tonda e gonfia.

Così facendo dopo qualche tempo dovrebbe avere dei simpatici frutti!

Le auguriamo perciò buon lavoro e le ricordiamo che può trovare e ordinare tutto il materiale che le occorre, dalla rafia al mastice fino ai coltellini, cliccando sulla voce “ACQUISTO MATERIALI DI GIARDINAGGIO” nella barra del menù in alto di questo sito.

Cordiali saluti!
Alessandra Alessandra da Castelgerundo pubblicato il 15 Aprile 2020 alle 18:57:
Buongiorno,
Avrei bisogno di sapere cosa può avere la mia petiolaris😢
Ho acquistato questa pianta qualche anno fa e fino ad ora tutto bene.
Si trova in un vaso a semicerchio su di un balcone esposto a nord ovest.
All'inizio di questa primavera molto secca sembrava comunque andare tutto bene, nuovi germogli e pianta in buono stato.
Non l'ho mai concimata se non con dello sterco un paio di volte.
Quest'anno ho comprato un concime chimico a lenta cessione universale per darlo a tutte le piante, seguendo alla lettera il dosaggio consigliato.
Prima del concime ho aggiunto terra perché ne mancava un po'(terra per acidofile).
Poi il dramma.
Ora ha tutte le foglie afflosciate.
Non ha segni di nessun genere né sulle foglie né sui rami e controllando bene non mi sembra ci siano parassiti.
Ho notato però che la terra è umida nonostante io non l'annaffi appunto perché umida. C'è qualche formica ma non credo sia rilevante.
Sono disperata adoro questa pianta 😢
PS: quando l'ho messa nel vaso ho messo sul fondo uno strato di argilla espansa e non ho sottovaso. Non ha mai avuto problemi di ristagno fino ad ora.
Potete aiutarmi? Grazie
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Buon giorno a lei Alessandra!!
Grazie per averci contattato!
La sua descrizione è molto dettagliata e cronologicamente analitica; il terreno costantemente molto umido unito al fatto che le foglie si siano avvizzite subito dopo aver messo in esso concime chimico aggiunto a concime organico e altro terreno con drenaggio di argilla hanno attivato il cosidetto fenomeno o processo di osmosi inversa che consiste nel fatto che l’acqua presente in un tessuto, in questo caso quello vegetale, passi ad un altro che contiene più sali minerali.
Nel suo caso quando il terreno è diventato molto ricco di sali (i due concimi più l’argilla sul fondo e terreno fresco che è già molto ricco di questi) l’acqua presente nella pianta è stata chimicamente attirata verso il terreno svuotandola; questo spiega perché la pianta si sia immediatamente avvizzita mentre il terreno è rimasto umido!

Un esempio più concreto di quanto l’osmosi inversa può essere dannosa per gli esseri viventi sono i pesci di acqua dolce e salata.
Le faccio questo esempio per spiegarmi meglio: un pesce d’acqua dolce in acqua salata perde rapidamente l’acqua interna al proprio corpo morendo disidratato; viceversa un pesce d’acqua salata in acqua dolce assorbe troppa acqua finché le proprie cellule esplodono proprio perché quello che determina l’assorbimento o il passaggio dell’acqua all’interno o all’esterno delle cellule vegetali è la concentrazione dei sali in un ambiente o nell’altro.
In parole povere un ambiente più salato attira acqua dall’altro meno salato.

Praticamente nel suo caso specifico l’acqua è passata dalla pianta al terreno quando questo è diventato chimicamente più salato.

La brutta notizia che mi tocca darle è che l’avvizzimento causato da osmosi inversa è purtroppo irreversibile!

In extremis per salvare la sua pianta può tentare di ripulire il pan di terra madre dal terreno nuovo con i suoi concimi, rimettendolo in un vaso neutro e innaffiando le radici abbondantemente con acqua priva di calcare e cloro. Cerchi inoltre di irrorare le foglie con acqua distillata a cadenza regolare.

Anche se non si può garantire una miracolosa ripresa, ci provi, tenendo conto che se le cellule vegetali si sono del tutto svuotate dell’acqua ivi presente, queste saranno ormai diventate incapaci di assorbire acqua dall’esterno attivando il processo di necrosi e morte cellulare.

Anche se purtroppo un eccesso di zelo ha portato a risultati dannosi non si scoraggi e non demorda, le servirà almeno come esperienza acquisita per le prossime piante, ricordando di non eccedere con i concimi; o va usato un tipo o un altro, o mette concime o mette terreno nuovo, purtroppo la natura ci insegna che non si possono fare tutte le cose insieme. Ricordi pure che l’argilla ha un altissima capacità igroscopica, di attirare e trattenere a sé molta acqua dall’ambiente circostante.

Ci dispiace tantissimo Alessandra!!

Cordiali saluti.
Dany Dany da Modugno pubblicato il 15 Aprile 2020 alle 11:40:
Ciao!! 👋
Vorrei allegare la foto della mia piantina di rosselline che si sta seccando... Non so che pianta è ne come si chiama so solo che le rosselline si sono seccate e ora quasi tutte le foglioline 😢
Non c'è possibilità di allegare la foto?
Grazie!!!! 😁
.
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Grazie Dany per avercelo segnalato! In effetti c'è un problema tecnico sul guestbook che riguarda il caricamento delle foto.
Provvederemo quanto prima a risolvere il problema.

A presto

Cordiali saluti!
Emanuela Emanuela da Roma pubblicato il 10 Aprile 2020 alle 17:06:
Buongiorno!
Vorrei conoscere il problema che affligge la mia bellissima rosa e sapere come riuscire a risolverlo:
Nonostante la fioritura sempre rigogliosa e lo sbocciare di nuovi getti, le foglie si presentano con fori di varia grandezza, ingiallite e coperte nella pagina inferiore da una patina con piccoli puntini bianchi, si seccano e cadono continuamente.
Di cosa si tratta? Grazie!
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
Buon giorno a lei Emanuela!
Grazie per averci contattato!
Ci dispiace tanto per la sua bellissima rosa, si deduce che ci tiene tanto a questa pianta pertanto cercheremo di aiutarla nel miglior modo possibile, visto che presenta diversi problemi ma ne isoliamo da questi almeno i due più importanti.
Non avendo a disposizione una foto della sua bellissima rosa non possiamo purtroppo essere chirurgicamente precisi nella diagnosi della malattia della sua pianta, tuttavia da quello che ci descrive possiamo azzardare l’ipotesi che, per quanto riguardala pagina inferiore delle foglie che presentano una patina con piccoli puntini bianchi, si possa trattare di OIDIO o MAL BIANCO, una malattia fungina che ha luogo su piante cresciute in luoghi umidi e malventilati, con umidità del 60% circa e temperature intorno ai 20° c.
Quindi già da questo si può dedurre che questo problema si può evitare tenendo la pianta in una zona soleggiata e ben ventilata ma non fredda, con temperature non inferiori ai 20 gradi centigradi, soprattutto tenendo pulite le piante con una potatura di arieggiamento che eviterà un accumulo di foglie e rami intrecciati sulla pianta stessa.
Per quanto riguarda la cura vera e propria, dato che si tratta di una malattia molto insidiosa, la si può combattere solo con un efficace fungicida sistemico (che entra nel circolo linfatico della pianta), lo può trovare nella sezione della barra del menù in alto di questo sito dedicata agli acquisti di giardinaggio, nello specifico cliccando sulla voce “FUNGICIDI”, in particolare le consiglio vivamente di acquistare “Fungicida PREVICUR ENERGY ML 50 fosetil alluminio propamocarb” oppure “Compo Duaxo – fungicida sistemico appositamente studiato per la protezione delle piante ornamentali da casa e da giardino”

Mentre per quanto riguarda i fori di varia grandezza sulle foglie, come li chiama lei, possiamo dirle che le foglie bucate sono sintomo di una infestazione da parte di insetti e che in particolare si può trattare di un attacco, molto comune in questo periodo primaverile, di tentredine nera della rosa (Cladius pectinicornis), che può risolvere trattando con decisione l’intera pianta con un insetticida di cui può vedere la descrizione sempre nella sezione della barra del menù in alto di questo sito dedicata agli acquisti di giardinaggio, nello specifico cliccando sulla voce “INSETTICIDI”, in particolare le possiamo indicare “insetticida abbattente biologico a base di piretro naturale BAYER NATRIA 1 lt” oppure “Bayer Decis PFnPe – insetticida giardino”, meno costoso ma non meno efficace.

Lieti di esserle stata d’aiuto cogliamo l’occasione per augurarle tante belle cose e buon giardinaggio!!
Meri Meri da Pisa pubblicato il 8 Aprile 2020 alle 14:14:
Buongiorno a tutti!!
Gradirei un consiglio, se possibile, io di piante ci capisco...nulla!
Vorrei coprire un gazebo in ferro con un rampicante e mi piacerebbe tantissimo un glicine, il problema credo sia il luogo in cui si trova. E' soggetto a tramontana e libeccio ed è in un angolo del giardino, quindi 2 lati del gazebo sono ad 1 metro dal muro di cinta che è alto 1.50.
Se prendo la pianta sbagliata ho paura che durerà davvero poco.
Mi consigliate voi!? Grazie!!
Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
BUON GIORNO A LEI MERI!
Grazie per averci contattato!

Per il suo gazebo può usare piante rampicanti annuali o altre perenni:
fra queste ultime, la durata da un anno all’altro è assicurata solo nel Meridione, mentre nel Nord Italia vanno trattate da annuali, oppure coltivate in vaso, se possibile, e ricoverate al chiuso d’inverno; non possono essere impiegate come copertura permanente, ma solo estiva.

Fra le annuali vere ci sono i piselli odorosi, il fagiolo dolico, le zucche ornamentali, la gloriosa e l’Ipomoea purpurea: si seminano in aprile a dimora; se ben bagnate e concimate, da fine maggio a settembre-ottobre si riempiranno di fiori.
I piselli odorosi si allungano al massimo per 2 m, la campanella e le zucchette fino a 3 m, il fagiolo fino a 6 m. Si utilizzano come decorazioni o coperture rade e temporanee, magari per rinfoltire la base di una rampicante perenne anziana e un po’ spoglia in basso.

Fra le perenni anche nel Nord Italia, perlomeno fino alla Val Padana, si annoverano le actinidie, la bignonia, le clematidi, l’edera, il glicine, le lonicere, le ortensie rampicanti, Passiflora caerulea, rincospermo e viti. Sono quelle da sfruttare se si desidera una situazione permanente, immutata di anno in anno, con poca fatica e molta resa, in quasi tutto il nostro Paese.

Tutte le altre non citate rientrano nella categoria “perenni al Sud, annuali o da proteggere al chiuso dalla Pianura Padana in su", e come tali vanno utilizzate, per uno schermo permanente in Meridione e per uno stagionale nel Settentrione

Dato che il suo Gazebo è esposto a nord e ai venti freddi di tramontana le consigliamo le seguenti piante rampicanti:

[ul]
  • Ortensia rampicante (Hydrangea petiolaris)
  • Produce splendidi fiori bianchi in primavera, anche se esposte in pieno nord. Molto rustica, sopporterà tranquillamente i -20 °C.[/li]

  • Edera comune (Hedera helix)
  • Ci sono varietà con fogliame variegato e l'edera d'Irlanda (Hedera hibernica) che forma rapidamente una siepe con foglie dal colore verde brillante.[/li]

  • Caprifoglio di Tellmann con meravigliosi fiori giallo-arancio. Pianta di sottobosco che richiede una luce soffusa.

  • Virginia rampicante (Parthenocissus ed Ampelopsis)
  • Il fogliame rosso in autunno è uno dei più belli. La varietà Lowii, che misura meno di 3 metri, è perfetta per una coltura in vaso o in piccoli spazi.[/li]

  • Akebia (Akebia quinata)
  • Con fogliame semipersistente, si copre di rosso porpora in autunno dopo un'abbondante e profumata fioritura estiva.[/li]

  • Gelsomino d’inverno (Jasminum nudiflorum)
  • Una pianta sarmentosa che deve perciò essere sostenuta e ha il vantaggio di produrre fiori giallo brillante solo in inverno.[/li]


    Ovviamente avendo questo elenco esaustivo a sua disposizione dovrà solo constatare se queste specie e varietà sono in vendita presso i vivai nella sua zona, oppure può optare per un acquisto online su Amazon andando nella sezione della barra del menù in alto di questo sito dedicata agli "ACQUISTI DI MATERIALI PER GIARDINAGGIO", nello specifico cliccando poi una volta aperta la pagina sulla voce "PIANTE DA ESTERNO". Se non possiede un account Amazon può andare nella sezione del sottomenù sopra indicato, alla voce "COME CREARE UN ACCOUNT AMAZON" dove le verrà spiegato passo passo come e cosa fare per acquistare su questa piattaforma online.


    Cordiali saluti, le auguriamo buon lavoro nel suo giardino!
    Erika Erika da Toano pubblicato il 7 Aprile 2020 alle 18:06:
    Salve, avrei bisogno del vostro aiuto!
    Al mio vicino di casa gli è venuto in mente di improvvisarsi giardiniere e ha potato l'albero di amarene che abbiamo in giardino, solo che quell'albero era di mio nonno e io ci tengo particolarmente. Da quando lo ha potato (un paio di anni fa se non sbaglio) l'albero sembra morto, si è formata una crepa nel tronco e sta perdendo la corteccia. Vorrei sapere se è possibile salvarlo e come! Premetto che non ha tagliato i rami "principali" (si divide ancora in 3 rami) però ha tagliato cortissimi gl'altri rami (saranno lunghi neanche 2cm)! Quei rami non sono più cresciuti e di conseguenza neanche foglie e frutti! Aspetto una vostra risposta! Grazie in anticipo!
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Grazie per averci contattato, Erika
    Ci dispiace per il suo albero, specie se si tratta di qualcosa che è legato ai ricordi dei propri cari.
    Da come descrive la situazione si potrebbe dedurre che si sia trattato già durante i due anni precedenti di cancro batterico dovuto ad un batterio del genere “Xanthomonas” che colpisce non solo gli alberi di amarene ma anche le altre drupacee. Molto probabilmente prima della potatura sicuramente le foglie avranno avuto delle macchie irregolari prima di rendere manifesti i danni a carico del fusto e dei rami, con lesioni e aree necrotiche.
    Di solito la cosa più importante sarebbe stata la prevenzione, soprattutto nel caso di cancro batterico è fondamentale disinfettare gli attrezzi di potatura passando da una pianta malata ad una sana. Bisogna inoltre eliminare tutte le parti di pianta che si notano colpite da sintomi di malattia in qualsiasi momento della stagione, anche questo evita contagi che diffondono il problema; probabilmente sarà per questo motivo che il suo presunto giardiniere avrà eseguito una potatura così severa sulla sua amarena
    In questi casi si può usare un preparato disinfettante come la pasta per tronchi. È un preparato denso che si spalma sulle piante a riposo vegetativo dalla base del tronco fino alle prime diramazioni con lo scopo di ripulire i tronchi dai funghi e dalle forme svernanti di insetti.
    Più facile da trovare in commercio è la poltiglia bordolese, un fungicida comunemente chiamato “verde rame” che deve essere utilizzato sempre dopo una lettura attenta delle indicazioni riportate sulle confezioni che comporta il rispetto delle dosi, delle modalità suggerite e delle precauzioni. Può provare a trattare tutto il tronco con questo preparato fino alla base, sperando che si possa riprendere con l’inizio della primavera!

    Se non sa dove trovare la "Poltiglia Bordolese" può optare per un acquisto online su Amazon andando nella sezione della barra del menù in alto di questo sito dedicata agli "ACQUISTI DI MATERIALI PER GIARDINAGGIO", nello specifico cliccando poi una volta aperta la pagina, sulla voce "FUNGICIDI", o inserendo nel motore di ricerca di Amazon il nome del prodotto indicato.
    Se non possiede un account Amazon può andare nella sezione del sottomenù sopra indicato, alla voce "COME CREARE UN ACCOUNT AMAZON" dove le verrà spiegato passo passo come e cosa fare per acquistare su questa piattaforma online.

    Cogliamo l’occasione per augurarle buona giornata e buon lavoro nel suo giardino!
    andrea andrea da milano pubblicato il 7 Aprile 2020 alle 17:50:
    Buongiorno,
    ho una strelitzia in appartamento e poco tempo fa alcune foglie hanno iniziato a seccare (prima sono diventate gialle e poi marroni accartocciandosi su se stesse). E' vicino alla finestra (al primo piano) ma di luce ne prende. Ho poi notato che il colletto della pianta è divenuto marrone scuro. Cosa posso fare?
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Buon giorno Andrea!
    Grazie per averci contattato.

    Ci dispiace per la sua strelitzia , da come la descrive suppongo che probabilmente, forse inizialmente la sua pianta avrà avuto un accrescimento stentato ed in seguito le foglie, iniziando da quelle esterne e poi procedendo verso quelle interne, si saranno dapprima ingiallite e poi imbrunite prima di avvizzire.
    Ora elimini prima tutte le parti seccate e necrotizzate, poi provi a togliere la pianta dal terreno per esaminare oltre al colletto che è già imbrunito, anche l’apparato radicale. Se pure questo risulta imbrunito, allora si tratta di marciume causato da Phytophthora che si sviluppa soprattutto in seguito ad eccessive annaffiature. Quindi per prima cosa tolga la pianta dal vaso ed elimini tutte le parti danneggiate; la restante parte di radice dovrà trattarla con un fungicida in polvere ad ampio spettro. Quindi, faccia asciugare la terra, e una volta asciutta rimetta la pianta nel vaso, aspetti però almeno una settimana prima di annaffiare per dare il tempo alle superfici di taglio di cicatrizzarsi.

    Se non sa dove trovare il fungicida citato sopra può optare per un acquisto online su Amazon andando nella sezione della barra del menù in alto di questo sito dedicata agli "ACQUISTI DI MATERIALI PER GIARDINAGGIO", nello specifico cliccando poi una volta aperta la pagina, sulla voce "FUNGICIDI", o inserendo nel motore di ricerca di Amazon il nome del prodotto indicato.
    Se non possiede un account Amazon può andare nella sezione del sottomenù sopra indicato, alla voce "COME CREARE UN ACCOUNT AMAZON" dove le verrà spiegato passo passo come e cosa fare per acquistare su questa piattaforma online.

    Cordiali saluti e tanti auguri per la sua strelitzia
    Ambra Ambra da Turriaco pubblicato il 3 Aprile 2020 alle 10:32:
    Buongiorno vorrei un aiuto se è possibile:
    Mio marito che ora non c'è più aveva costruito una fontana in giardino a cascata composta da 3 vasche rettangolari abbastanza grandi e profonde.
    Per Rendere l'idea sono simili a 3 vasche da bagno con in alto dei vetri; le prime due con dei vetri che simulavano una cascata con il bocchettone dell'acqua, in cima vi è un ultima vasca senza vetro che era dedicata al bagnetto per giocare di mia figlia quando era piccola.
    Ora la fontana è inutilizzata perché è troppo complicato per me pulirla. Volevo, perciò in alternativa mettergli dentro delle piante per creare una specie di piccolo vivaio decorato ma non ho idea di come crearlo, potete aiutarmi?
    Ve ne sarei grata! Grazie mille!!
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Gentilissima Ambra
    La ringraziamo per averci contattato.
    Ci dispiace per la perdita di suo marito e per il dispiacere subito, le sarà sicuramente di conforto leggere quello che la bibbia dice nel libro di Giobbe al capitolo 14 nei versetti 7, 14 e 15 e nel vangelo di San Giovanni al capitolo 5 al versetto 28. Comprendiamo quindi il legame ed il valore affettivo che attribuisce alla sua fontana in giardino.
    Perciò riferendoci alla sua domanda le rispondiamo che può innanzitutto usare all’interno della vasca delle belle piante acquatiche. Prima di procedere al riempimento del bacino sarebbe opportuno creare uno strato di terra e torba di circa 10 cm da ricoprire con della finissima ghiaia. Questo sarà un perfetto substrato per le piante acquatiche, come le bellissime Ninfee che fioriscono da maggio ad ottobre e che da sempre rappresentano la più gettonata scelta per i giardini d’acqua, oppure può optare per dei lotus o per la pontederia o dei cyperus alternifolius, ma anche i coloratissimi iris versicolor andrebbero bene.

    Intorno al laghetto si possono mettere a dimora le più belle piante da fiore o piccoli arbusti che amano l’umidità, cercando di creare un ambiente selvaggio per le forme, ma allo stesso tempo elegante con i contrasti di colori. Ultimata l’opera e trascorsi alcuni giorni si assisterà ad un progressivo intorbidamento dell’acqua. Non c’è motivo di allarmarsi, perché è tutto normale. A questo punto potrà inserire delle piante ossigenanti, come il lagarosiphon maiore, pronte a ripristinare l’equilibrio biologico. Queste ultime non solo ossigeneranno l’acqua rendendola più limpida, ma impediranno anche il proliferare incontrollato di alghe infestanti.

    Se non sa dove trovare le piante sopraindicate può optare per un acquisto online su Amazon andando nella sezione della barra del menù in alto di questo sito dedicata agli "ACQUISTI DI MATERIALI PER GIARDINAGGIO", nello specifico cliccando poi una volta aperta la pagina, sulla voce "PIANTE ACQUATICHE", o "PIANTE DA ESTERNO"oppure inserendo nel motore di ricerca di Amazon il nome del prodotto indicato.
    Se non possiede un account Amazon può andare nella sezione del sottomenù sopra indicato, alla voce "COME CREARE UN ACCOUNT AMAZON" dove le verrà spiegato passo passo come e cosa fare per acquistare su questa piattaforma online.

    Le auguriamo buona giornata!
    Paola F. Paola F. da Trento pubblicato il 25 Marzo 2020 alle 20:11:
    Buonasera,
    Vedo in questo periodo tante aiuole piene fitte di narcisi che formano delle specie di mazzi, come se fossero stati piantati a mazzi.
    Come fare per farli diventare così? Come devo piantarli? In riga oppure a cerchi attaccati tra di loro?
    Oppure è frutto degli anni passati e quindi dei bulbi che si sdoppiano?

    Grazie mille della risposta
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Gentilissima Paola

    La ringraziamo per averci contattato.
    In relazione al quesito dei Narcisi, le sembrano aggregati a gruppi o come li definische lei a mazzetti, per il semplice motivo che nel tempo accanto al bulbo originale, sottoterra nascono dei piccoli bulbilli che una volta sviluppatisi e raggiunta l’età adulta producono fiori l’uno vicino all’altro dando l’impressione di essere stati piantati a mazzetti.

    Questa pratica consiste nel lasciare sempre a dimora i bulbi, dissotterrandoli soltanto ogni 5-8 anni, per diradarli; in questo modo si ottengono ampie macchie di fiori colorati, sempre più grandi di anno in anno.

    Le aiole di queste specie di bulbose possono assumere le forme più varie, ed é possibile, infatti, utilizzarli in ampie macchie, ma anche in aiole formali, disponendo i bulbi in linea retta, alla base di arbusti o come sfondo alle piante perenni tappezzanti.

    Una volta scelta la disposizione sul terreno, ed aver ben lavorato il substrato, si procede interrando i bulbi per una profondità pari al diametro del bulbo stesso.

    Se poi si intende punteggiare un tappeto erboso di fiori, é anche possibile spargerli a caso sul terreno, e quindi interrarli dove si trovano.

    Se ha bisogno di bulbi per le sue aiuole può optare per un acquisto online su Amazon andando nella sezione della barra del menù in alto di questo sito dedicata agli "ACQUISTI DI MATERIALI PER GIARDINAGGIO", nello specifico cliccando poi una volta aperta la pagina, sulla voce "BULBI".
    Se non possiede un account Amazon può andare nella sezione del sottomenù sopra indicato, alla voce "COME CREARE UN ACCOUNT AMAZON" dove le verrà spiegato passo passo come e cosa fare per acquistare su questa piattaforma online.

    Cordiali saluti, lo staff di Michele il giardiniere
    Roberto R. Roberto R. pubblicato il 25 Marzo 2020 alle 16:50:
    Buonasera,
    Sapevo di quest'ulivo pensante di Ginosa ed oggi mi e' capitato cosi' per caso di leggere il suo articolo a riguardo. Poi facendo ricerche ho capito che la posizione non e' stata mai resa nota.

    Tuttavia mi piacerebbe davvero sapere dove sia poiche' sono un appassionato di alberi e fotografia.

    Al momento vivo all'estero e se la situazione dell'epidemia di coronavirus si risolvera', quest'estate mi piacerebbe scattare qualche foto di questo bellissimo albero, qualora riuscissi a scendere in vacanza.

    Prometto di non rendere nota la sua posizione e l'unico scopo e' salvarla nella mia to-do list.

    Chiaramente, sono disponibile anche ad andarci assistito da qualcuno.
    A proposito, magari avreste dei contatti, non so...
    Qualunque cosa che possa aiutarmi a non recarmi a Ginosa invano nelle mie gia' brevi vacanze estive di fine agosto in Puglia.

    Spero possiate aiutarmi. 🙂

    In attesa di un riscontro.

    Cordialmente.

    Roberto
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Gentile sign. Roberto
    Grazie per averci contattato!

    In relazione alla sua richiesta vengo a dirle che la bellezza di questo albero millenario è preservata dal comitato di Ginosa in provincia di Taranto, per il Parco Naturale Regionale delle Gravine Joniche, che ha deciso di non rivelare il luogo esatto in cui questa meraviglia è presente per evitare eventuali atti vandalici.

    La discrezione sul suo luogo esatto e la sua incredibile verosimiglianza con la realtà hanno infatti sollevato numerose ipotesi circa la veridicità di quanto raccontato.
    A screditare la tesi complottistica, tuttavia, è la conferma della sua esistenza da parte dei responsabili del Parco in cui è presente.
    L’Ulivo Pensante esiste ed è visibile in tutta la sua meraviglia dai più fortunati che riescono a scovarlo.

    C’è comunque da dire che i milioni di alberi di ulivo che punteggiano il territorio circondato dal mar Adriatico e Ionio sono ultimamente stati minacciati dalla fastidiosa “Xylella fastidiosa”, un batterio che sarebbe la causa di una “complessa essiccazione rapida degli ulivi” .
    Questo è tutt’ora il panorama della Regione che ha dichiarato tutta la provincia di Lecce “zona infetta” e ha chiesto che vengano abbattuti gli alberi contaminati per evitare una diffusione dell’epidemia di tutta la penisola.

    Anche se purtroppo sulla base delle informazioni fornite dalle autorità italiane, l’Unione europea ha sostenuto questa soluzione drastica, non si sa con certezza quale sia stato il destino dell’ulivo pensante di Ginosa.

    Augurandovi una buona serata colgo l'occasione di porgervi cordiali saluti.
    Monica Monica pubblicato il 25 Marzo 2020 alle 14:47:
    Oggetto: appassimento foglie Spatifillo


    Ho uno Spatifillum, con una certa frequenza presenta un appassimento delle foglie. subito ho pensato a carenza di acqua invece il suo terriccio era ben umido, allora ad una temperatura elevata ma collocato in una stanza più fresca presentava periodicamente lo stesso problema: le foglie si appassiscono in modo evidente e poi si riprendono nel giro di 24h ore. Non so cosa fare!
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Gentile Monica
    La ringraziamo di averci contattato.

    In relazione al suo quesito tenga conto che lo spatifillo è originario delle foreste tropicali calde, umide e ombreggiate, quindi come lei ha già ben fatto, è opportuno tenerlo in un ambiente al chiuso, che è relativamente più caldo e umido rispetto all'esterno, dove la pianta può crescere sana.

    Dovrebbe stare vicino, ma non direttamente sotto, a una finestra in una stanza calda ad una temperatura che può oscillare dai 16° ai 20° (le temperature non dovrebbero andare ne al di sopra ne al di sotto di quelle indicate), così che possa beneficiare della luce solare indiretta. Le finestre che si affacciano sui lati nord o ovest sono le più indicate, in quanto non consentono l'esposizione alla luce diretta del sole per tutto il giorno. Eviti, se può, di mettere la pianta in un punto particolarmente esposto all'aria fredda o al sole eccessivo, perché entrambi questi fattori potrebbero farla soffrire al punto da sviluppare foglie marroni e avvizzite.

    Provi inoltre a tirar furi dal vaso il pane di terra per verificare l’integrità delle radici (se si sono marcite o meno).
    Tenga conto che, come sta ben monitorando, dovrebbe prestare attenzione alla frequenza e all’intensità delle irrigazioni. Perciò aggiunga acqua sufficiente per renderla umida solo quando la terra del vaso è secca, ma non ne metta troppa altrimenti potrebbe provocare un ristagno. Se invece innaffia troppo poco, la pianta potrebbe appassire. Un giusto equilibrio è quello di fornirle acqua circa una volta a settimana, quando il terreno è asciutto. Addirittura a volte sarebbe opportuno anche aspettare finché lo spatifillo inizi a mostrare i primi segni di avvizzimento e poi procedere con l'irrigazione.
    È importante sapere che questa pianta è sensibile al cloro, le consiglio perciò di usare acqua declorata o filtrata (qualora sia in possesso di un depuratore), altrimenti potrebbe eliminare il cloro dall’acqua del rubinetto semplicemente lasciandola fuori, a temperatura ambiente, per 24 ore.
    Come le dicevo all’inizio, lo spatifillo prospera negli ambienti particolarmente umidi dei tropici, così, oltre a irrigare il terreno, cerchi di nebulizzare regolarmente le foglie con una bottiglia spray per simulare l'aria umida della foresta pluviale, più la bagnerà, più fiori sbocceranno e più sana crescerà la pianta.
    Se come, nel suo caso, uno o più rami diventano marroni o mostrano segni di appassimento, dovrebbe potare le foglie per evitare che la pianta sprechi energie nelle zone già morenti. Usi delle forbici affilate per eliminare eventuali zone malate o morte, cercando di praticare dei tagli netti, molto vicini al suolo, evitando però di eliminare una quantità eccessiva di pianta sana.
    Le consiglio comunque di esaminare le foglie del tuo spatifillo per capire di cosa ha bisogno. Se le foglie cominciano ad afflosciarsi o quelle più in basso ingialliscono e appassiscono, è indice che bisogna innaffiarlo. Se cominciano a ingiallire, vuol dire che forse la pianta è esposta a troppa luce del sole. In questo caso la sposti in una zona più ombreggiata.

    Deve poi porre particolare attenzione alle micosi (o infezione da funghi); se ad esempio vede che sulla superficie del terreno cresce uno strato di colore bianco o grigio dall'aspetto polveroso, non si preoccupi più di tanto, perché questo fungo non compromette la salute della pianta.
    Per eliminare questa crescita fungina minore, può provare a spolverare sui funghi della cannella (che ha proprietà antimicotiche). Se però sul gambo o sulle foglie dello spatifillo si crea un rivestimento scuro o nero e non ci sono altri motivi apparenti da giustificarne la formazione (come danni dal gelo, eccetera), probabilmente si tratta di una grave infezione fungina e deve intervenire con un fungicida in polvere che può trovare andando nella sezione della barra del menù in alto di questo sito dedicata agli "ACQUISTI DI MATERIALI PER GIARDINAGGIO", nello specifico cliccando poi una volta aperta la pagina, sulla voce "FUNGICIDI".
    Se non possiede un account Amazon può andare nella sezione del sottomenù sopra indicato, alla voce "COME CREARE UN ACCOUNT AMAZON" dove le verrà spiegato passo passo come e cosa fare per acquistare su questa piattaforma online.

    In questo caso si dovrebbe optare per una completa eliminazione della pianta, dato che le spore fungine possono essere molto persistenti e restare nel terreno e nella zona circostante per molto tempo, durante il quale possono potenzialmente infettare ancora altre piante. Tuttavia, se vuol cercare di salvare la pianta, elimini con attenzione tutte le zone colpite dal fungo e li getti in un luogo sicuro dove non possano rappresentare alcun pericolo (come il bidone della spazzatura).

    augurandole una buona serata cogliamo l'occasione per porgerle cordiali saluti!
    Loredana Loredana da Palmi pubblicato il 12 Febbraio 2019 alle 7:42:
    Buon Giorno Signor Michele..come eliminare la ruggine da una Rosa Abracadabra?
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Buon giorno a lei Loredana
    Per la ruggine in genere il migliore metodo di difesa preventiva è rappresentato da tutti quegli accorgimenti che tendono a evitare i ristagni idrici, non ultimo quello di diminuire drasticamente l’irrigazione.
    Una buona ventilazione costituisce inoltre un ottimo deterrente per il diffondersi dei funghi.
    Spero non sia il suo caso ma quando una pianta viene ripetutamente attaccata allora conviene estirparla e bruciarla completamente.
    Parimenti le foglie cadute alla base della pianta vanno asportate e bruciate in quanto potrebbero infettare il resto della pianta.
    I prodotti chimici andrebbero spruzzati dal basso verso l’alto per irrorare la pagina inferiore delle foglie.
    Può usare poltiglia bordolese per prevenire il diffondersi della malattia o prodotti chimici come difenconazolo, propiconazolo, azoxystrobin per curare, che si acquistano in farmacia agricola o su amazon alla voce fungicidi.

    Ringraziandola per aver scelto il nostro sito, cogliamo l'occasione per porgerle cordiali saluti!
    Luca Luca da Roma pubblicato il 5 Febbraio 2019 alle 16:08:
    Salve!
    Le scrivo, per chiederle: " Perchè alcuni alberi vivono per più anni e altri invece, di meno"? E inoltre: " Come fanno alcuni alberi a vivere anche per migliaia di anni"? ( Pensiamo ad esempio agli ulivi e ai cipressi, che possono campare anche per più di duemila anni!!!).

    La ringrazio per la sua disponibilità!

    Cordiali saluti!

    P.S: Desidero che, la risposta, venga pubblicata sul sito!

    Luca
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Grazie a lei signor Luca per aver scelto questo sito!
    La “dendrocronologia” cioè la scienza che studia la longevità delle piante ci dice che le specie che hanno la vita più lunga sono tutte arboree.
    Bisogna tener conto che le cellule vegetali, di cui sono fatti gli alberi, sono capaci di replicarsi o moltiplicarsi all’infinito creando sempre nuovi tessuti responsabili dell’aumento delle loro dimensioni.
    A questo punto si può comprendere che il subentrare di alcuni fattori esterni può interferire sullo sviluppo e la longevità degli alberi può essere gravemente compromessa.
    Tutto dipende dalle condizioni meteorologiche che si verificano al momento della crescita e dall’apporto di sostanze nutritive, più queste sono favorevoli e più la pianta crescerà sana e vivrà a lungo, infatti da queste dipenderà lo spessore del tronco; un tronco robusto, ad esempio, ci indica una pianta in salute e ben nutrita a differenza di un tronco esile che è indice di una pianta sofferente e più soggetta a malattie e cedimenti sotto l’ azione di venti o di abbondanti nevicate che possono portare a morte prematura.
    Le circostanze variano poi da pianta a pianta e dall’ ambiente in cui vivono, ad esempio si pensa che il fusto di un albero sia perfettamente cilindrico, se l’esemplare vive in un bosco compatto, dove è protetto da ogni lato e ha il solo compito di ricercare la luce solare. In queste condizioni cresce diritto come un fuso, e gli anelli interni della sezione trasversale sono perfettamente circolari. Mentre se l'albero è isolato ed è sottoposto all'azione del vento, la crescita in spessore degli anelli del legno non è uniforme e dipende dalla direzione del vento, mentre la sezione è di forma ovale. A questo c’è da aggiungere che questa diversità di crescita del tronco, e relativa misura degli anelli, varia notevolmente tra le conifere e le latifoglie, poiché le prime riportano un maggior accrescimento nella parte posta "sottovento", mentre le latifoglie s’ispessiscono maggiormente nel lato "sopravento".
    Vi sono poi specie come l’olivo che da un lato ha straordinarie capacità intrinseche di adattarsi e sopportare ogni tipo di avversità e stress. Si pensi allo stress idrico (è capace di sopravvivere sia a lunghi periodi di siccità che ad alluvioni o piogge torrenziali), oppure alla sua straordinaria resistenza a malattie come la carie del legno con la capacità di sopportare pesanti lesioni del tronco dovute all’estirpazione di slupature o di cancri, rigenerando i tessuti. Mentre d’altro canto si è dimostrato incapace di reagire a malattie insidiose come la Xylella fastidiosa che sta decimando intere cultivar nel sud Italia.

    Possiamo allora dire che ogni albero ha una storia da raccontare, quello più fortunato avrà molto da dire! E sarà annoverato fra i grandi patriarchi verdi o alberi monumentali. Ci sarà poi quello che avrà testimoniato eventi drammatici e altri che saranno fonte di rivelazione o ispirazione, ma tutti con la loro tenacia e longeva esistenza ci ricorderanno che la vita va avanti.


    Con la peranza di essere stato abbastanza esaustivo colgo l'occasione per porgerle cordiali saluti!
    Maria Maria da Bari pubblicato il 25 Novembre 2018 alle 11:26:
    Buongiorno mi potrebbe consigliare un metodo per eliminare la cocciniglia??
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Buon giorno a lei signora Maria !

    Partendo dal presupposto che la cocciniglia si riproduce in ambienti caldi e secchi, sarà importante adottare tutte le misure preventive necessarie per evitarne la formazione. Visto che ama riprodursi al caldo i mesi estivi saranno quelli più a rischio. Allo stesso modo, l’ambiente domestico presenta tutte le condizioni ideali per l’insetto.

    Se la prevenzione non è sufficiente, un rimedio più utilizzato è l’olio bianco, una sostanza che vaporizzata sulle foglie crea una patina che soffoca i parassiti. Trattandosi di una sostanza oleosa di origine minerale simile alla paraffina, è molto importante non vaporizzarla sulla pianta in estate. Questo provocherebbe una diminuzione drastica della traspirazione fogliare e porterebbe alla morte delle foglie.

    Altrettanto consigliata è la rimozione manuale tramite lavaggio delle foglie con acqua o potature mirate. Ricordate che le cocciniglie – per quanto proliferino al caldo – sono sensibili all’esposizione solare diretta, quindi favorendo il passaggio dei raggi solari favorirete anche la morte dei parassiti.
    Un’altra possibilità consiste nell’utilizzare dei preparati a base di sostanze repellenti come l’olio di tè. Passati direttamente sulle foglie, creeranno un ambiente ostile alla proliferazione dell’insetto. L’utilizzo di oli e sostanze oleose che agiscono come repellenti sulla cocciniglia non ha quasi mai effetto immediato, ma necessita di essere ripetuto per qualche giorno.

    Se la pianta è completamente invasa da cocciniglia ma si presta alla produzione di polloni, potreste valutare la possibilità di potarla fino al colletto per favorire al crescita di nuovi rami, sani e vitali.

    Tra i rimedi naturali più efficaci per eliminare la cocciniglia dalle piante segnaliamo l’alcool e il sapone di Marsiglia, L’alcool, in particolare, scioglie le sostanze cerose di cui è fatta la membrana protettiva della cocciniglia. Al tempo stesso disinfetta i forellini prodotti dall’insetto e previene gli attacchi di altri virus o batteri.

    Con l’alcool è possibile preparare una soluzione diluendone un cucchiaio in un litro d’acqua. Vaporizzatela sulle parti aeree fino a 3 volge al giorno ogni 2 giorni, prediligendo le ore più calde. Se abbiamo a che fare con una pianta delicata, invece, sarà opportuno procedere nelle ore serali. Per risultati più rapidi, rimuovete l’insetto usando cotone imbevuto con alcool e strofinando la soluzione direttamente sulle parti colpite. Dopo questi trattamenti è bene sciacquare la pianta.

    Con il sapone di Marsiglia liquido sarà sufficiente diluire 25 cc di sapone ogni litro d’acqua. Si tratta di una soluzione davvero efficace poiché impedirà ai parassiti di respirare, svolgendo una vera azione insetticida del tutto naturale. Spruzzate il liquido direttamente sulle cocciniglie nelle ore serali e procedete con 2-3 irrorazioni ogni 3-5 giorni.

    Cordiali saluti e buona giornata!
    Sergio P. Sergio P. da Roma pubblicato il 12 Ottobre 2018 alle 13:16:
    Gentile sig.michele 2 anni fa a primavera ho trapiantato una cicas di 15 anni dal terreno in vaso l'ho potata di tutte le foglie e da allora non ha più fogliato lei crede che si possa fare qualcosa ci tengo molto per motivi affettivi attendo risposta la ringrazio
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Gentile sig. Sergio
    Ci scusiamo per il ritardo della risposta, il disagio è stato dovuto a problemi tecnici che hanno richiesto più tempo del dovuto.
    Comprendo bene il legame affettivo sviluppato per la sua Cycas; tenga conto che l'espianto in piena terra è già di per se abbastanza traumatico, perché per forza di cose non si riesce a preservare l'integrità delle radici, che fungono sia da organo di riserva da cui attingere energie per la ripresa vegetativa, sia da organo atto a prelevare sostanze nutritive (rompendo le barbe radicali, ovvero le parti più sottili delle radici, sacrifica l'assorbimento delle sostanze nutritive). In più una potatura molto severa con l'eliminazione totale dell'organo fogliare compromette la normale fotosintesi forzando la pianta a riposo vegetativo che dovrà fare leva nel periodo di ripresa vegetativa sulle sole riserve rimaste nello stipite (volgarmente chiamato tronco) e nelle poche radici rimaste (tenga conto che una pianta di 15 anni avrà dovuto avere un apparato radicale molto sviluppato, che sicuramente non è riuscito d asportare insieme al pan di terra del travaso).

    Può dedurre perciò che la sua Cycas è stata sottoposta a notevole stress che dovrà attutire con un rallentamento fisiologico delle normali funzioni di ripresa vegetativa comprese le emissioni fogliari con nuovi getti, non le resta che aspettare pazientemente che la sua quindicenne e robusta cycas revoluta dia i suoi risultati dopo il terzo anno dal trapianto continuando nel frattempo ad annaffiare e concimare con un concime specifico che può trovare anche su Amazon.
    Quindi non demorda sig. Sergio!
    Cordiali saluti e tanti auguri per la sua amata pianta!!
    Mario Mario da Napoli pubblicato il 23 Settembre 2018 alle 10:03:
    Buongiorno signor Michele, ho tre piante di roselline che dopo questa torrida estate, presentano il fogliame con macchie estese grigiastre che successivamente diventano trasparenti e con caduta precoce delle nuove foglioline. Mi può consigliare qualche rimedio per salvarle??
    Grazie
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Buon giorno a lei, signor Mario!
    Ci scusiamo del ritardo per la risposta, purtroppo abbiamo avuto problemi tecnici che hanno richiesto più tempo del dovuto.
    Dispiace per le sue roselline, da come lo descrive il problema sembrerebbe dovuto ad una malattia di origine fungina, probabilmente (servirebbe una foto per identificarla meglio) si tratta di "oidio" detto anche mal bianco che colpisce la parte aerea come le foglie oppure di "botritis cinerea" chiamata anche muffa grigia che colpisce di più i boccioli e i fiori.
    Solitamente questi attacchi sono favoriti da condizioni di elevata umidità ambientale, quindi la miglior cura è la prevenzione, ovvero basterebbe distanziare le piante per evitare il ristagno dell'umidità e non effettuare irrigazioni o nebulizzazioni sugli apparati aerei.
    Ricordi che l'acqua va data direttamente sulla terra, evitando di bagnare le foglie.Non lasci l’acqua nel sottovaso.

    Occorre poi tagliare le parti colpite dal fungo e trattare la pianta con un fungicida che si può trovare anche su Amazon, n alternativa come rimedio naturale può spruzzare sulle foglie della comune propoli o semplicemente spargere bicarbonato di sodio.


    Le auguro buon lavoro con le sue roselline!
    Jasmine Jasmine da Malnate pubblicato il 18 Agosto 2018 alle 10:49:
    Buongiorno signor Michele, ho un calamondino da alcuni anni ed ogni anno si riempie di fiori e frutti. Quest'anno improvvisamente sono caduti tutti i fiori (forse per il troppo caldo) e le foglie ogni anno diventano un po' più gialle... cosa mi consiglia? Ho inoltre un meraviglioso ficus benjamin da 23 anni. Non l'ho mai rinvasato che perché ho paura di danneggiarlo Ma adesso è evidente che sta molto stretto nel suo vaso. In quale stagione conviene rinvasarlo e con che tipo di terriccio? Mille grazie per la sua gentilezza.
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Jasmine

    La ringraziamo per averci contattato
    Le dico subito che per il suo calamondino occorre semplicemente concimare con un concime specifico per agrumi che trova anche su Amazon, cliccando su uno dei link presenti su questo sito, , dato che principalmente si tratta di un problema di carenza alimentare, mentre per il suo ficus deve tener conto che temendo le basse temperature, deve essere tenuto in luoghi riparati nei mesi più freddi. I Ficus si rinvasano ogni due anni, in aprile, ciò premesso le consiglio al trapianto di:

    1. conservare integro tutto il “pane di terra” del nucleo centrale pianta

    2. eliminare solo in modo leggero parte della chioma e rifilare le radici rotte.

    3. riporre la pianta estratta, immediatamente nella zona nuova prestabilita alla medesima profondità in cui si trovava e annaffiarla abbondantemente subito dopo e nelle settimane successive.

    Le consigliamo inoltre di prelevare da dei germogli laterali dei getti lunghi 10-12 cm che potrà far radicare per ottenere delle nuove piante da mettere in vaso.

    Distinti saluti.
    Giovanna Giovanna da Iserlohn pubblicato il 14 Luglio 2018 alle 21:44:
    Come curare la pianta di lampone quando è diventata due metri alta
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    gentile Giovanna
    Del lampone tenga conto che in agosto si tolgono gli steli che hanno dato frutti a luglio, infatti poi a settembre gli steli dell'anno avranno frutti.
    Dopo questa raccolta si dovrebbe cimare a 20 cm , i nuovi getti daranno frutti a luglio dell'anno successivo.


    Grazie per averci contattato, colgo l'occasione per augurarle buon lavoro con i suoi lamponi!
    Patrizia Patrizia da Palermo pubblicato il 13 Giugno 2018 alle 12:09:
    SIG.Michele,buongiorno. Ho un terrazzo estremamente assolato. Ho comprato dei piccoli oleandri e li ho invasati. Come dovrei curarli?Grazie per i suoi preziosi consigli.
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Gentile signora Patrizia
    Ci scusiamo innanzitutto per il disagio causato dal ritardo della risposta dovuto a problemi tecnici che hanno richiesto più tempo del dovuto.

    Le dico subito che gli oleandri sono piante di facile coltivazione e richiedono poche cure, può annaffiare regolarmente le piante durante i primi due anni, per favorire l'attecchimento.

    Tenga conto che in vaso, gli oleandri richiedono annaffiature frequenti, con un'aggiunta di fertilizzante per fiori 2 volte al mese.
    La potatura consiste nel togliere i fiori appassiti. Una potatura più drastica può essere effettuata per ringiovanire gli arbusti : in questo caso, tutti i rami saranno tagliati a 15/25 cm dal terreno.

    Bisogna ricordarsi che sono piante che amano il sole, dunque vanno posizionate in un luogo luminoso ma se possibile riparato dalle correnti forti; se non è possibile metterle in una posizione soleggiata, anche la mezzombra andrà benissimo.

    Durante l'inverno, è necessaria una protezione per le giovani piante, ovvero bisognerebbe pacciamare il piede degli arbusti con foglie morte, e ricoprire l'arbusto in un telo di copertura. Gli arbusti in vaso devono essere ricoverate in un locale luminoso, riparato dal gelo (garage, veranda, ecc.). Nelle zone miti, possono rimanere fuori.


    Cordiali saluti e buona coltivazione!
    Patrizia Patrizia da Palermo pubblicato il 13 Giugno 2018 alle 11:59:
    Buongiorno Sig.Michele,le chiedo un consiglio. Come dovrei recidere delle grandi foglie di una strelizia rovinate dal troppo caldo? Tagliare tutto lo stelo o solo la foglia? Grazie per la sua disponibilità!
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Gentile Patrizia
    Ci scusiamo innanzitutto per il forte ritardo nel darle una risposta, purtroppo la risoluzione dei problemi ha richiesto più tempo del dovuto:
    Mi permetta di dirle che per la Strelitzia la potatura, è da evitare. Non ne ha bisogno, ma ovviamente come diceva lei , dobbiamo assolutamente pulirla, eliminando le foglie secche che rischiano di aumentare il rischio di malattie da parassiti.
    Dovrebbe con un taglio netto, senza sfilacciature, recidere la foglia dallo stelo a partire dalla base
    Per favorire l’incespimento e l’emissione di nuove foglie è bene recidere, a circa 2 cm dal terreno, quelle danneggiate che fuoriescono dal terreno.
    Abbia cura che l'attrezzo che usa per il taglio sia pulito e disinfettato (preferibilmente alla fiamma) per evitare di infettare i tessuti.


    Le auguro buon lavoro!
    Antonella S. Antonella S. da Lauria(Pz) pubblicato il 11 Maggio 2018 alle 20:24:
    Le mie rose hanno una schiumetta intorno ai boccioli, le ho trattate precedentemente per i pidocchi che sono rapidamente spariti, ma adesso persiste questa strana schiumetta. Cosa devo fare?
    La ringrazio anticipatamente!
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Antonella non si allarmi!
    Quella che nota al mattino attaccata a fusti e foglie; è la secrezione data da un insetto comunemente denominato “sputacchina” o “Philaenus Spumarius.
    I danni che le sputacchine sono deformazioni e decolorazioni dovute alle punture dei rostri sulla pianta, nel secondo parliamo del suo aspetto di presenza più evidente: la creazione di una schiuma bianca tipica, che non solo può arrivare a rendere molliccia la parte di pianta colpita, ma spesso funziona da tramite rispetto ad agenti patogeni esterni.
    Le femmine della sputacchina depongono le uova negli alberi durante il periodo estivo. Le stesse svernano nella corteccia ed in primavera si schiudono liberando le larve che si portano sulle piante erbacee. La larva si nutre quindi di linfa, proteggendosi con la sua schiuma bianca che altro non è che lo scarto del suo intestino.
    Non è un insetto molto dannoso, ma se proprio non gradisci la sua presenza per motivi estetici puoi intervenire con un insetticida generico che trova cliccando su un link qualsiasi di Amazon su questo sito, il quale effettuerà una pulizia totale da tutti gli insetti.
    Una lotta vera e propria la si intraprende solo se l’attacco è molto !

    Felice di esserle stato d’aiuto, le auguro buona giornata!
    Mario U. Mario U. da Pisa pubblicato il 1 Aprile 2018 alle 16:53:
    Signor Michele buongiorno, vorrei togliere il mio ex prato e mattonerlarlo lasciando aiuole dove vi sono piante, mi darebbe qualche consiglio?
    Grazie!
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Signor Mario la sua è senz’altro una buona idea per realizzare un patio, o per creare una zona dedicata agli ospiti, o un’area relax nel giardino.
    Ovviamente dovrà scegliere la tipologia di materiale con cui realizzare la pavimentazione e scegliere fra i diversi stili.
    Può ad esempio realizzare una zona rustica, con una pavimentazione in legno o un’area in stile moderno, classico o retrò.
    Oltre a seguire i suoi gusti e le sue esigenze di spazio ponga attenzione ai costi e posa della copertura.
    Ci sono i rivestimenti tradizionali realizzati con piccoli mattoni rossi;
    Potrebbe partire da una pavimentazione semplice da realizzare con il fai da te livellando al meglio il terreno per poi posare una base di ghiaia sulla quale andranno installate lastre in cemento o calcestruzzo.
    Potrà scegliere tra mattonelle di cemento, veri e propri mattoni o mattonelle di pietra o addirittura realizzare qualcosa semplicemente con ghiaia e lastre circolari. Può utilizzare i comodissimi stampi che si possono trovare nei garden center in svariati modelli e colori, stampi di mattoni o piastrelle in cemento che sono semplici e veloci da utilizzare.
    Se ama il legno, ma cerca una soluzione più duratura e che richieda poca manutenzione può optare per una pavimentazione laminata in plastica, simile ad una copertura in vero legno, sono molto veloci da posare e il risultato sarà ottimo sia sul piano estetico che su quello pratico.
    Oppure vi sono anche piastrelle in gomma riciclata, anche in questo caso molto semplici da installare, pratiche e perfette se abbiamo dei bambini piccoli in casa.
    Grazie per averci contattato e buon proseguo lavori !!
    Andrea R. Andrea R. da Lecce pubblicato il 30 Marzo 2018 alle 16:23:
    Signor Michele...ho comprato un mandarino nano. Volevo chiederle se va potato o meno in questo periodo? Se no .....quando avrei dovuto farlo?
    E che tipo di concime posso usare?
    L’ho anche travasato da poco.
    Grazie! ?
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Signor Andrea, se col termine mandarino nano si riferisce al calamondino (Citrus mitis) le posso dire che non richiede generalmente potature se non per eliminare i rami secchi o malati, può seguire la forma naturale dell’alberello, che in relazione alla lentezza di crescita, rimane sempre piuttosto contenuta.
    Il rinvaso ha fatto bene a farlo a fine inverno. Mi auguro che abbia utilizzato un terreno alcalino, fertile e ben drenato ed un contenitore in terracotta.
    Va nutrito con un prodotto apposito per agrumi, oppure con dei lupini macinati, da distribuire in febbraio e settembre.

    Grazie per averci contattato
    Buona giornata e buon lavoro con il suo calamondino!
    Angelo P. Angelo P. da Avellino pubblicato il 26 Marzo 2018 alle 20:09:
    Gentilissimo, grazie mille!
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Angelo P.
    Di nulla, si figuri ...
    Grazie a lei per averci dato fiducia visitando il nostro sito!
    Angelo P. Angelo P. da Avellino pubblicato il 25 Marzo 2018 alle 18:03:
    Gentilmente, mi potrebbe dire quando si seminano le Zinnie?Grazie.
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Signor Angelo, se lo si fa in un ambiente protetto, la semina delle zinnie può avvenire verso la fine dell’inverno-inizio primavera, da febbraio ad aprile, e poi successivamente verso maggio è possibile mettere a dimora le piantine che sono cresciute direttamente all’esterno, in vaso o in giardino.
    Invece per effettuare semine direttamente all’esterno, si consigliano i mesi di fine aprile-maggio.

    Spero di essere stato abbastanza esauriente.
    Cordiali saluti e buona semina !
    Antonio C. Antonio C. da Bologna pubblicato il 17 Marzo 2018 alle 19:55:
    Buona sera
    ho cambiato casa e ho il balcone a nord potrebbe consigliarmi che piante mettere?
    Grazie anticipate!
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Buona sera anche a lei Antonio, guardi, può scegliere fra varie di queste tipologie a seconda di cosa intende realizzare:

    PIANTE FIORITE
    . bulbose come i mughetti, le scille.
    . Viole, Nuova Guinea e Impatiens del tipo “fiori di vetro”.
    . Nasturzio nano
    . Begonia
    . Lobelia
    . Fucsia
    . Torenie
    . Astilbe

    CESPUGLI
    . Hosta,
    . l'Osmanthus fragrans e il Prunus laurocerasus, la Mahonia aquifolium e la Skimmia japonica
    . Le Ortensie: sono un classico per l’esposizione a nord, iniziano a vegetare tardi e fioririscono dalla seconda metà dell’estate e restano decorative fino all’arrivo del gelo.
    . Rododendri e Azalee:
    . Il Viburnum
    . Cotoneaster Lacteus
    . Sambucus Nigra (Sambuco)
    . Bambù nano (Varietà Sasa)
    . Choisya, Arancio del Messico

    RAMPICANTI
    . I più indicati sono la Vinca major, l'Hydrangea petiolaris, l'Hedera helix e il Ficus repens,
    . Alcune Clematidi, ma non tutte! Le più adatte sono le "Nelly Moser" e "The President".
    . Jasminum nudiflorum, chiamato anche Gelsomino di San Giuseppe.
    . Parthenocissus quinquefolia (Vite americana)
    . Caprifoglio

    PIANTE DA FOGLIAME
    . Nepeta variegata
    . Iresine
    . Abutilon
    . Tradescantia (conosciuta come Miseria)
    . Bosso nano arbusto
    Maria C. Maria C. da Avellino pubblicato il 15 Marzo 2018 alle 15:36:
    Buon giorno!
    Ho due ortensie in vaso di due anni che vorrei trapiantare in piena terra, posso farlo adesso o devo aspettare?
    Grazie ?
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Buon pomeriggio a lei Maria !
    Le ortensie si possono trapiantate quando hanno perso tutte le foglie e iniziano la pausa vegetativa, vale a dire dal tardo autunno o a fine inverno, prima che i germogli inizino a crescere, perciò si regoli lei di conseguenza osservando la sua pianta, se ha già messo o meno i suoi germogli...
    In maniera molto delicata, per non rompere le radici, si aiuti con un coltello senza punta (infilandolo tutto intorno al pane di terra) e piano piano cerchi di staccare la pianta dal vecchio vaso e poi la tiri fuori. Mentre la tira da sopra provi anche a dare una spinta dal basso, dal foro di drenaggio.
    Ai piedi dell’ortensia può disporre uno strato di corteccia di pino (o altre aghifoglie). In questo modo non solo andrà ad acidificare il terreno ma lo manterrà umido più a lungo.
    L’ortensia preferisce un terreno umido e ricco di humus, oppure in alternativa intorno alla buca può mettere un terriccio specifico per questa pianta, successivamente può aggiungere con le irrigazioni del fertilizzate per piante acidofile.

    Le auguro buon lavoro con le sue ortensie e buona giornata!
    Angela p. Angela p. da Bari pubblicato il 10 Marzo 2018 alle 22:58:
    Salve !
    Secondo lei le cycas possono essere potate a marzo?
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Gentile Angela
    Per la potatura delle cycas non esiste un periodo specifico dato che si tratta di eliminare foglie vecchie che hanno ormai traslocato linfa negli appositi organi di riserva.
    Può perciò controllare la pianta costantemente ed eliminare via via le foglie più vecchie che stanno più in basso se sono danneggiate o ingiallite dato che possono portare malattie.
    Le tagli il più possibile vicino al tronco in modo da non lasciare antiestetici monconi che ospitino dannosi funghi o batteri.

    Cordiali saluti e buon lavoro!
    Anna B. Anna B. da Lecce pubblicato il 3 Marzo 2018 alle 21:56:
    Salve
    Ho letto anch’io il suo articolo sul alloro e la risposta data al signore poco prima.
    So che ci sono diversi tipi di alloro e volevo chiedere come si può riconoscere quello piu' buono e piu ' aromatico?
    Grazie.
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    In commercio esistono due principali varietà di alloro :
    Laurus Nobilis Aurea e Laurus Nobilis Angustifolia.
    Il Laurus Nobilis Aurea ha foglie color oro a forma appuntita.
    Questa varietà, durante la coltivazione, va tenuta riparata da vento, gelate e sole diretto troppo forte perché rischierebbe di bruciare le foglie.
    Il Laurus Nobilis Angustifolia ha foglie di conformazione più stretta rispetto al lauro ed è più resistente del precedente; I nostri avi dalla notte dei tempi usavano quest’ ultima, dato che era più reperibile...

    Grazie per averci contattato.
    Cordiali saluti !
    Lorenzo F. Lorenzo F. da Bari pubblicato il 3 Marzo 2018 alle 20:39:
    Bellissimo articolo quello sul alloro!
    Ha consigli su come riuscire a riprodurre una pianta di alloro da un'altra?
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    La ringrazio, molto gentile! ?
    La moltiplicazione del Laurus avviene per seme o per moltiplicazione dei polloni, prelevandoli con parti di radici, che si formano alla base della pianta madre o per talea, tagliando gli apici.
    Nel scegliere la tecnica da adottare occorre tenere presente che la moltiplicazione per seme ha con se lo svantaggio che, subentrando la variabilità genetica, non si è certi che si avranno delle piante uguali alle piante madri, nel qual caso qualora si voglia ottenere una pianta ben precisa o non si è certi della qualità del seme che si sta utilizzando, è bene fare la moltiplicazione per talea.
    Pia D.C. Pia D.C. da Foggia pubblicato il 28 Febbraio 2018 alle 10:05:
    Buon giorno
    Io ho una sterlizia che sono 7anni che mi fa solo foglie sempre + grandi ma di fiori nemmeno l’ombra!
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Buon giorno a lei Pia, la ringrazio per averci scritto.
    Se la sua pianta è in vaso provi a posizionarla altrove poiché la STRELITZIA ama la luce molto intensa, in mancanza di questa condizione non fiorisce !

    C’è comunque da dire che la STRELITZIA fiorisce non prima di aver raggiunto i cinque anni di età, nei periodi compresi fra l’autunno e la primavera inoltrata, perciò se lei dice che ha sette anni, provi anche a concimare con un buon concime per piante fiorite che abbia anche i micro elementi
    Elisa F. Elisa F. da Vicenza pubblicato il 27 Febbraio 2018 alle 8:27:
    Buon giorno!
    Come posso potare il melograno ?
    Grazie.
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Buon giorno a lei Elisa.
    Per il melograno tagli innanzitutto tagli i rami secchi, improduttivi e danneggiati, quelli grossi e i polloni basali ( rami che crescono a cominciare dalla base).
    Se ci sono grossi rami che si sviluppano al centro, li può tagliare perché questi rami non producono ed intralciano la crescita dei rami laterali che producono frutti.
    Le ricordo che i tagli vanno effettuati in maniera netta e precisa, senza lasciare sbavature e ferite difficili da rimarginare.
    Infatti il melograno va potato con attenzione e cura, si deve eliminare un adeguato numero di rami inutili e danneggiati ma al tempo stesso per questa pianta non sono consigliabili potature eccessive.
    La regola da seguire è quella di tagliare i rami nella parte centrale della chioma, rami che, come è stato detto, non sono produttivi e tolgono luce e aria ai rametti laterali da cui si svilupperanno i frutti.
    Soprattutto elimini del tutto i polloni basali, ovvero quelle ramificazioni inutili che si sviluppano alla base del melograno e che tolgono nutrimento al resto della pianta.
    I tagli devono essere periodici e regolari.

    Grazie per averci scritto.
    Cordiali saluti e buon lavoro!
    Isabella D. Isabella D. da Palermo pubblicato il 26 Febbraio 2018 alle 15:14:
    Buongiorno vorrei un consiglio: ogni quanto devo innaffiare due piantine di roselline ? E dove posso collocarle per non farle appassire?
    Grazie ?
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Buon giorno a lei Isabella !
    Le dico subito che le roselline mal sopportano climi rigidi e che scendono al di sotto dello zero.
    Anche se sopravvivono bene in caso di temperature al di sopra dei trenta gradi, temperature troppo alte possono provocare la caduta prematura dei fiori e la bruciatura delle foglie.
    Meglio dunque evitare l'esposizione diretta per troppo tempo alla luce del sole nei periodi più caldi, scegliendo comunque una zona bene illuminata.
    Dunque è meglio posizionarle nel posto più luminoso possibile ma non alla luce diretta per non farle appassire anzitempo.
    Per quanto riguarda le annaffiature la regola è di ripetere l’irrigazione quando il terriccio del vaso è asciutto.
    In questo modo si evitano i ristagni idrici e si permette all'apparato radicale di esplorare tutto il vaso alla ricerca di acqua, quindi di svilupparsi e rafforzarsi.
    La quantità di acqua da somministrare per ogni irrigazione deve essere tale da bagnare completamente tutto il terriccio presente nel vaso, senza lasciare zone asciutte, in questo modo l'apparato radicale della pianta si svilupperà all'interno di tutto il vaso.
    È importante evitare di bagnare le foglie e i fiori.
    Come per tutte le altre piante è meglio evitare di annaffiare durante le ore centrali della giornata o per meglio dire nelle ore più calde della giornata specialmente in estate.

    Cordiali saluti e grazie per averci scritto !
    Rita R. Rita R. da Brindisi pubblicato il 25 Febbraio 2018 alle 16:02:
    Buongiorno!
    Volevo chiedere quando e come potare l’hibiscus?
    Grazie ?
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Buon giorno a lei Rita !
    L’ibiscus non richiede una potatura particolarmente impegnativa.
    Tenendo conto del suo sviluppo piuttosto vigoroso, questo arbusto andrebbe potato in due periodi dell’anno:

    1) Dopo la fioritura o a fine autunno per contenere e dare forma alla pianta che si sviluppa velocemente e in maniera disordinata. Togliendo le parti sfiorite per favorire nuove fioriture e dare vigore alla pianta.

    2) All’inizio della primavera per favorire l’emissione di nuovi rami.

    Oltre ai rami secchi e danneggiati che vanno recisi del tutto, si potano tutti gli altri per circa i 2/3 della loro lunghezza o a 15 cm dalla base.
    Il taglio del ramo va fatto subito sopra il nodo, dove ci sono le gemme in maniera netta e leggermente obliqua.

    Bisogna considerare anche che l’intensità della potatura varia molto se la pianta vive in un vaso, dove avrà bisogno di una sforbiciata più decisa che limita i rami a 15 cm dalla base e addirittura ne elimina qualcuno. Mentre se è interrata sarà sufficiente un taglio un po’ più leggero, ad esempio accorciando di qualche centimetro ogni rametto.

    Cordiali saluti e buon lavoro!
    Teresa R. Teresa R. da Bari pubblicato il 24 Febbraio 2018 alle 12:21:
    Quando va potato l' albero del limone?
    E come far scomparire quella specie di fuliggine nera sul limone?
    Grazie.
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Gentile Teresa
    Sull’epoca di potatura del limone esistono dei pareri discordanti: c’è chi pota in autunno, chi in pieno inverno, chi in primavera. C’è anche chi pota durante la fioritura, chi dopo.
    Insomma la potatura del limone lascia spazio a tante esperienze e a molta confusione.
    Bisogna dire che le stagioni in cui le piante resistono meglio alla potatura sono quelle con climi miti e stabili e dunque non eccessivamente freddi o caldi.
    È bene sapere che i climi temperati rendono la corteccia più morbida e quindi più facile da trattare.
    Una cosa certa è che per la potatura di queste piante occorre valutare non solo le condizioni climatiche dell’area in cui vengono coltivate, ma anche la specie da potare. In base alla varietà, infatti, i limoni possono presentare una sola fioritura o più fioriture. Chi coltiva limoni con una sola fioritura preferisce potare ad ottobre o poco prima della primavera a fine inverno, mentre chi coltiva limoni con quattro fioriture preferisce potare esclusivamente in autunno.
    Le esperienze dei giardinieri depongono a favore della potatura autunnale di qualsiasi specie di limone, potatura da effettuare esclusivamente tra la fine di settembre ed ottobre.
    Nelle zone con clima caldo, la potatura si può far slittare anche tra dicembre e gennaio.
    In zone particolarmente temperate e con giornate gradevoli, qualcuno ha anche vissuto l’esperienza della potatura in febbraio.
    In linea di massima come regola generale il momento giusto per potare è quando il metabolismo degli alberi rallenta, cioè poco prima della crescita primaverile. La potatura deve avvenire durante questo periodo di dormienza se non gela o al primo cenno di crescita al risveglio nei climi freddi, quando i limoni vengono tolti dai ripari invernali.
    Oppure se proprio si ritiene opportuno potare in autunno sarebbe meglio operare quando i frutti sono gialli e quando non sono ancora comparsi i nuovi germogli.
    Bisogna anche ricordare che il limone non necessita di potature drastiche, ma solo di essere liberato dai rami improduttivi, danneggiati, secchi o spezzati.

    Tenga anche conto che i limoni fruttificano sui rami di un anno, perciò la potatura di produzione deve essere molto contenuta cercando di lasciare appunto i rami di un anno che porteranno frutto.

    Quindi Teresa valuti lei in base al clima della sua zona e alla specie a sua disposizione!

    Per quanto riguarda la FUMAGGINE (quella che lei chiama fastidiosa fuliggine nera) deve verificare prima se vi è presenza di insetti (di solito sotto le foglie) come le cocciniglie o afidi che emettono una sostanza di scarto trasparente e appiccicosa, chiamata “melata”, su cui si deposita la caratteristica crittogama nera della “fumaggine”.
    Perciò oltre a potare o eliminare i rami che ormai sono anneriti le consiglio di trattare la pianta con un comune insetticida in modo da eliminare definitivamente il problema.

    Detto questo, non mi resta altro che augurarle buon lavoro!

    Cordiali saluti
    Michele il Giardiniere
    Maria Maria da Bari pubblicato il 23 Febbraio 2018 alle 10:05:
    Buon giorno!
    Vorrei sapere se il plumbago deve essere potato alla fine dell'inverno oppure dell'estate. Grazie!
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Gentile Maria, generalmente il plumbago si pota quando tutti i fiori sono appassiti, in autunno, accorciando tutti i rami di circa un terzo; successivamente si pratica una seconda potatura a fine inverno, per asportare i rami eventualmente rovinati dal freddo.
    Grazie per averci scritto.
    Cordiali saluti e buona giornata !
    Irene Irene da Roma pubblicato il 23 Febbraio 2018 alle 10:03:
    Può dirmi se posso travasare una pianta di rose da un vaso piccolo ad uno più grande?
    Grazie! ?
    Michele il giardiniere Risposta dell'amministratore di: Michele il giardiniere
    Irene credo sarebbe meglio aspettare la fine dell’inverno!
    Le dimensioni del vaso dovranno essere più grandi di circa 2-3 cm rispetto al precedente.
    Si ricordi di mettere dei cocci di vaso sopra il foro del vaso in modo da garantire il drenaggio.
    Le rose hanno bisogno di terreni fertili e di medio impasto, con un buon drenaggio.
    Inoltre il trapianto non deve essere fatto con terreno bagnato, nel caso lo fosse sarebbe meglio aspettare un giorno di sole!

    Grazie per averci scritto.
    Cordiali saluti e buon lavoro!